1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Yen, premiato in qualità di valuta rifugio. Le opportunità di trading

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Risveglio agitato per i mercati valutari nella nuova settimana dopo la decisione del premier greco Alexis Tsipras di abbandonare il tavolo negoziale e sottoporre a referendum le richieste dei creditori. “I trader valutari – commenta Marco Bò di Alternativefinance.ch – hanno potuto osservare dei gap di prezzo tra 100 e 350 pips rispetto alle chiusure di venerdì. Il cross più colpito è stato senza dubbio l’euro/yen (EurJpy) in quanto la componente ‘rifugio’ della valuta nipponica ha agito da propellente”.

Cosa aspettarsi e come agire? 

“L’incertezza che da qui al prossimo weekend si manifesterà sui mercati e sulla moneta unica – riprende Bò – non è detto che spinga il cambio euro/dollaro (EurUsd) nel breve sotto area 1.10 ma, anzi, si potrebbero vedere livelli più alti soprattutto se riprenderà un dialogo costante tra creditori e autorità greche.”

“A nostro avviso l’Europa, la propria moneta e credibilità, verranno intaccate qualunque sia l’esito della vicenda greca, pertanto stiamo iniziando a individuare in primis i cambi contro euro e i livelli dove andare a costruire delle posizioni contrarie alla moneta unica”.

Euro/Yen (EurJpy)

Il cambio EurJpy potrebbe avere il doppio volano della debolezza euro, causata dalle tensioni politiche, e la rinnovata forza yen spinta sia da una avversione al rischio sui listini azionari, che valutiamo come imminente e sempre più probabile, sia da una rinascita dell’economia nipponica come mostrato anche nella notte dal dato sulle vendite al dettaglio uscite a +3%. L’aspetto domestico è il più importante in questo momento per il Giappone in quanto, grazie all’Abenomics e a una valuta debole, si sono sistemate esportazioni e bilancia commerciale. Ora il Giappone deve concentrarsi sul rilanciare i consumi interni e un’apertura da parte della Bank of Japan circa un rafforzamento dello yen potrebbe  la spinta necessaria all’economia del Sol Levante. Pertanto aspettiamo l’area di 137,70/138,4 per entrare short sul cross con uno stop a 141,50 come chiusura di giornata e due target, il primo posto in area 130/131 e il secondo utilizzando trailing stop in area 124.