1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Yen debole in scia a rallentamento Pil nipponico

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Inizio di settimana senza grossi scostamenti sul forex. Spicca l’indebolimento dello yen in scia alla lettura inferiore alle stime degli analisti per il Pil giapponese relativo al secondo trimestre. Il cross dollaro/yen è così risalito fino a 96,9 allontanandosi dai minimi a quasi due mesi toccati settimana scorsa a 95,81.

Il prodotto interno lordo del Paese del Sol Levante è cresciuto nel secondo trimestre del 2,6%, in netta flessione rispetto al +4,1% registrato nel primo trimestre dell’anno. Gli analisti si attendevano una crescita più sostenuta e prossima al +3,6%. Su base trimestrale la crescita si è attestata al +0,6% rispetto al +0,9% del precedente trimestre.

Crescita sotto le attese che torna ad alimentare le aspettative di un possibile rafforzamento della politica monetaria da parte della Bank of Japan nei prossimi mesi al fine di sostenere la crescita e raggiungere l’ambizioso l target di inflazione al 2%.

La scarsa liquida che dovrebbe caratterizzare questa ottava potrebbe portare a una maggiore volatilità nei prossimi giorni dei cross valutari. I minori volumi potrebbero impattare sull’andamento del dollaro americano che “ora come ora si trova ancora in posizione di debolezza nei confronti delle altre major – commenta oggi Matteo Paganini, chief analyst DailyFX (FXCM) – lo yen rimane correlato all’andamento delle borse giapponesi, mentre sterlina e dollaro australiano sono state mosse dal mix di vendita di dollaro americano (ad inizio settimana) e di acquisto di tali divise, in seguito alle comunicazioni di politica monetaria”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Piazza Affari sale con Enel e Telecom

Si riscatta Piazza Affari nell’ultima seduta della settimana recuperando la debolezza della vigilia dovuta alle parole di Jean Claude Juncker, presidente della Commissione europea, che ieri in un intervento a …

RAPPORTO OCSE

Ocse lancia allarme su debito

Alert Ocse sul debito. L’organizzazione parigina indica che nel 2018 il debito nei Paesi Ocse è stimato in crescita a quota 45.000 miliardi di dollari rispetto ai 43.600 miliardi del …