1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Yen ai massimi a 2 settimane, BoJ alle prese con turbolenze sui JGBs

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prosegue anche oggi la fase di risalita dello yen sui mercati valutari. La divisa nipponica è scesa ai minimi a oltre due settimane sul dollaro con cross $/Y sotto quota 101 rispetto al picco a 103,74 toccato il 22 maggio (top dall’ottobre 2008). Sul mercato tiene ancora banco il nodo dell’elevata volatilità dell’obbligazionario nipponico (settimana scorsa il JGBs decennale si è spinto fino all’1% per la prima volta dall’aprile 2012) che sta smorzando l’appeal della vendita di yen per cercare rendimenti altrove. Ieri il governatore della Bank of Japan, Haruhiko Kuroda, ha ribadito che il Giappone può far fronte all’aumento dei tassi di interesse.

Intanto dai verbali della riunione della Bank of Japan dello scorso 26 aprile sono emerse alcune divergenze di opinione. In particolare alcuni esponenti del board dell’istituto centrale hanno mostrato dubbi circa il target di inflazione al 2% entro due anni e hanno chiesto una maggiore flessibilità nella gestione della politica monetaria. “Alcuni membri hanno detto che è difficile raggiungere il 2% di inflazione – si legge nelle minute BoJ rilasciate oggi – in quanto vi è incertezza su come i cambiamenti nelle aspettative di inflazione futuri effettivamente spingeranno verso l’alto i prezzi”. Inoltre dai verbali BoJ emerge un dibattito circa l’aumento della volatilità sul mercato obbligazionario a seguito dell’aggressivo allentamento monetario avviato il 4 aprile con preoccupazione per l’aumento dei costi di finanziamento che potrebbe minare la politica ultra-espansiva della banca centrale.