1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Yahoo: trimestrale sotto attese. Stretto accordo con Google per pubblicità

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Conti trimestrali, nuove stime per il quarto trimestre 2015, ultimi aggiornamenti su Alibaba e l’accordo con Google. E’ stata una serata, quella di ieri, ricca di annunci per Yahoo. Indicazioni che sono state accolte negativamente dal mercato: il titolo Yahoo ha registrato nell’afterhours a Wall Street un calo di circa l’1,3% dopo avere chiuso la seduta a -2 per cento.
A mercato chiuso il gruppo di Sunnyvale ha annunciato di avere archiviato il penultimo trimestre dell’anno con profitti pari a 76 milioni di dollari, ossia 8 centesimi ad azione, contro i 6,77 miliardi di dollari dello stesso periodo del 2014, quando ha beneficiato della parziale cessione delle azioni possedute in Alibaba. Al netto delle poste non ricorrenti, l’utile per azione (Eps) si è attestato a 15 centesimi rispetto ai 16 centesimi indicati dal consenso Bloomberg. 
Nei tre mesi conclusi a fine settembre Yahoo ha visto i ricavi attestarsi a 1,23 miliardi di dollari contro i 1,15 miliardi registrati nell’analogo periodo nel 2014. Un fatturato in crescita, ma inferiore alle previsioni degli analisti che pronosticavano un dato pari a 1,27 miliardi di dollari. I ricavi ex tac, cioè escludendo il valore dei costi di acquisizione del traffico, sono diminuiti dell’8% a 1 miliardo contro i 1,02 miliardi indicati dal mercato. 
La società guidata da Marissa Mayer ha inoltre annunciato le previsioni per il quarto trimestre 2015: Yahoo ora si attende un giro d’affari compreso tra 1,16-1,2 miliardi di dollari, mentre il margine operativo lordo rettificato è visto nel range tra 160-200 milioni di dollari (stime Bloomberg a 278,5 milioni di dollari).
Quanto ad Alibaba, Yahoo ha fatto sapere che lo spinoff della sua partecipazione detenuta nel colosso cinese dell’e-commerce non potrà essere completata fino a gennaio. 
E infine nel tentativo di dare una scossa ai ricavi, Yahoo! ha stretto un’alleanza con Google sulla pubblicità. In base all’accordo il big di Mountain View Google fornirà a Yahoo! pubblicità per le ricerche online.