1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Weidmann (Bundesbank): temo politicizzazione tassi di cambio, ma salita euro riflette ritorno fiducia su eurozona

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“La Bce si asterrà da manipolazioni dei tassi di cambio”. Si mantiene ferma la posizione della Germania sulla discussa guerra di valute innescata da azioni ultra-espansive messe in atto da alcune banche centrali. Il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, nel corso di un’intervista concessa a Bloomberg ha ribadito che il processo di apprezzamento dell’euro negli ultimi mesi “riflette la ritrovata fiducia sull’eurozona ed è in linea con i fondamentali dell’area”. Weidmann ha poi rimarcato che tasso di cambio è solo uno dei fattori in grado di determinare l’inflazione “e non vogliamo che le azioni di politica monetaria siano guidate da un singolo fattore”. Il membro del consiglio Bce ha poi detto che i tassi di cambio non saranno l’argomento principale del G20, ma uno dei tanti.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Petrolio stabile in attesa del meeting Opec

Stabili le quotazioni del petrolio in attesa del meeting Opec di domani. Questa mattina il prezzo del Wti (riferimento americano) mostra un leggero rialzo dello 0,25% a 51,61 dollari al barile, mentre il Brent (riferimento europeo) si mantiene sopra …

COMMODITY

Oro: prezzi a 1.261 dollari, focus sulle minute di domani

Sostanziale parità al Comex per il future con consegna giugno sull’oro che passa di mano a 1.261,5 dollari l’oncia (+2% nelle ultime cinque sedute). “Ancora una volta, l’oro si trova a riprendere fiato”, ha rilevato Ole Hanson, n.1 per le commodity d…

COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…

COMMODITY

Petrolio: Brent si spinge sopra quota 54 dollari il barile

Quarta giornata consecutiva con il segno più per le quotazioni del greggio, in rialzo dello 0,82% a 54,05 dollari il barile. Nelle ultime cinque sedute il derivato è salito del 4,3% in attesa che l’Opec, l’Organizzazione che raggruppa i Paesi esporta…