WebSideStory ritira la sua Ipo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Non era certo un’operazione delle dimensioni di quella di Google, ma la storia dell’avvicinamento al Nasdaq di WebSideStory, società di analisi on demand sul settore Internet, è stato, ad eccezione dell’epilogo, per molti versi simile a quello del motore di ricerca. La società dopo aver ridotto la scorsa settimana il range di prezzo da 10-12 dollari a 8-9 dollari per azione, ha infatti oggi comunicato di aver rinunciato a quotarsi. L’Ipo era valutata 38 milioni di dollari.