1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Wall Street teme un nuovo uragano e chiude in rosso

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giornata vissuta in compagnia di timori e incertezze a Wall Street. Timori per la tempesta tropicale nominata Rita che, transitando sulle acque calde del Golfo del Messico, si trasformerà con tutta probabilità in un nuovo uragano che andrà a scaricarsi su Louisiana o Texas. Chevron e Royal Dutch Shell hanno annunciato di aver già evacuato alcune piattaforme del Golfo. Il petrolio si è così infiammato salendo di 7 punti percentuali a New York oltre i 67 dollari al barile mentre a Vienna l’Opec sembra orientata a non aumentare la produzione ma solo a mettere a disposizione due milioni di barili di oro nero in più al giorno qualora si rivelasse necessario. Incertezze legate alla decisione che il Comitato di politica monetaria della Fed prenderà oggi sui tassi di interesse americani, probabilmente un rialzo dello 0,25% ma senza la sicurezza che aveva caratterizzato le decisioni precedenti. Al termine delle contrattazioni il Dow Jones Industrial ha ceduto lo 0,79% a 10.557,63 punti mentre il Nasdaq Composite è arretrato dello 0,70% a 2.145,26. All’interno del listino da segnalare il balzo di Nike (+5% circa) dopo utili in crescita del 32% nel primo quarto fiscale e il capitombolo di General Motors, in calo di oltre 3 punti percentuali. In correzione McDonald’s dopo la mancata conferma dell’ingresso di alcuni hedge fund nel capitale della società mentre Hewlett Packard è salita dell’1,5% dopo aver firmato un accordo per l’acquisto del produttore di software Peregrine Systems.