Wall Street si tinge di rosso, male i finanziari

Inviato da Redazione il Mer, 11/07/2007 - 08:55
Un'ondata di vendite ha travolto la Borsa americana nella seduta di ieri. Il Dow Jones è sceso dell'1,08% a 13501,70 punti, l'S&P500 è scivolato dell'1,14% a quota 1510,12, mentre il Nasdaq ha perso l'1,15% a 2639,16 punti. A pesare sugli umori degli investitori è stato l'allarme lanciato da Standard & Poor's che potrebbe tagliare i rating su circa 12 miliardi di dollari di obbligazioni emesse a fronte di mutui ipotecari subprime. A questo si è aggiunto l'inesorabile rallentamento del settore immobiliare che potrebbe impattare negativamente su alcune trimestrali. Come se non bastasse, il dollaro ha segnato nuovi minimi storici nei confronti dell'euro e nemmeno le parole piuttosto rassicuranti di Ben Bernanke, capo della Fed, sono riuscite a risollevare gli animi. Sul fronte societario a soffrire maggiormente sono stati i titoli finanziari, con American Express e Jp Morgan in flessione del 3,27% e del 2,66%, seguiti da Citigroup che ha ceduto l'1,16%. Ad andare contro corrente ed evitare le vendite sono stati invece General Motors, in rialzo di quasi due punti percentuali, e Apple (+1,53%) grazie all'annuncio della produzione dell'iPhone nano.
COMMENTA LA NOTIZIA