1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Wall Street: seduta positiva prima del week-end lungo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Non hanno deluso le indicazioni arrivate dal mercato del lavoro a stelle e strisce con il tasso di disoccupazione sceso al 6,1% e le nuove buste paga cresciute a giugno di 288 mila unità. In una seduta ridotta causa le festività del 4 luglio, il Dow (+0,54%) ha chiuso sopra quota 17 mila facendo segnare un nuovo massimo storico a 17.074,65, lo S&P è cresciuto dello 0,55% e il Nasdaq ha messo a segno un +0,63%.

Tra gli altri dati macro del giorno segnaliamo il calo del deficit della bilancia commerciale, sceso a maggio da -47 a -44,4 miliardi, e gli aggiornamenti relativi le nuove richieste di sussidio, passate da 313 a 315 mila, e l’Ism servizi, in contrazione da 56,3 a 56 punti.

A livello di singole performance +12,5% per PetSmart dopo l’annuncio che l’hedge fund Jana Partners ha acquistato il 9,9% del capitale e +5,44% di Paccar nonostante la tedesca Volkswagen abbia smentito di voler rilevare la società.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

WALL STREET

Borse Usa partono deboli, l’outlook spinge Big Lots

Dopo aver aggiornato i massimi storici, Wall Street parte debole in vista del weekend lungo a causa del Memorial Day (lunedì prossimo mercati chiusi). Nei primi scambi il Dow Jones segna un rosso dello 0,07% mentre S&P500 e Nasdaq scendono entrambi d…

MERCATI

Banche e oil continuano a penalizzare le borse europee

Rosso di mezzo punto percentuale per l’indice Stoxx 600, penalizzato dalle vendite che stanno colpendo il comparto bancario (-1,31% per l’indice di riferimento), gli energetici (-1,16%) e l’automotive (-0,99%).

All’indomani del meeting dell’Opec …