1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Wall Street parte debole, vendite su Hertz dopo i numeri trimestrali

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I listini statunitensi si mettono in scia delle piazze europee ed iniziano la seduta con il segno meno. Nei primi scambi il Dow Jones perde un quarto di punto percentuale, lo S&P500 scende dello 0,46% e il Nasdaq segna un -0,55%. Indicazioni deludenti quelle arrivate dall’Ocse che ha annunciato di aver tagliato la view sulla crescita globale 2015 al 2,9%, contro il 3% di settembre e il 3,1% di giugno.

In evidenza Hertz, in rosso del 3,1% dopo la diffusione di conti trimestrali inferiori alle stime. Il colosso statunitense del noleggio ha annunciato di aver di aver chiuso il terzo trimestre con un utile di 237 milioni di dollari, in aumento rispetto ai 149 milioni di un anno. Il risultato per azione in versione adjusted, al netto cioè delle componenti non ricorrenti, si è attestato a 49 centesimi, 3 centesimi in meno rispetto alle stime. Peggio del previsto anche il fatturato, sceso del 4,6% a 2,98 miliardi (consenso 3,1 miliardi). Segno meno anche per General Electric (-0,63%) che si è assicurata una fornitura di 1.000 locomotive diesel con le ferrovie indiane. Il contratto di fornitura e manutenzione vale circa 2,6 miliardi di dollari e ha durata di 11 anni.

Tra poco meno di mezz’ora appuntamento con il Lmci (Labor market conditions index), l’indice elaborato dalla Federal Reserve che rileva l’andamento del mercato del lavoro statunitense tramite l’analisi di 19 sottoindici.