1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Wall Street : non basta Obama per invertire la rotta

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Mercati americani ancora in profondo rosso dopo il giuramento di Barack Obama. Gli indici a Wall Street sono trascinati al ribasso da State Street Corp. la più grande società di gestione monetaria per istituzionali, in calo del 47 percento dopo che le perdite per le obbligazioni invendute sono raddoppiate. Wells Fargo & Co. è in ribasso del 13 percento in seguito alla previsione di un analista di mercato che la banca starebbe valutando di tagliare i suoi dividendi.

L’S&P500 segna così una flessione del 2,91 percento a 825,11 punti. L’indice S&P 500 Financials è in calo dell’8,4 percento, al di sotto del livello più basso del 1995. Il Dow Jones è invece in ribasso del 2,14% a 8104 punti.

“C’è molto scetticismo nell’aria”, ha dichiarato Alan Gayle, strategist presso il RidgeWorth Capital Management a Richmond, in Virginia. “La fiducia degli investitori è molto vulnerabile.” RidgeWorth si occupa della gestione di 70 milioni di dollari.

L’S&P 500 è ormai ad un passo dal segnare la sua seconda peggior apertura dell’anno. L’indice è infatti sceso del 6,4 percento nei primi 11 giorni di mercato del 2009, perdita che si pone dietro solo a quella del 6,5 percento dell’anno scorso, secondo una stima realizzata da Bloomberg risalendo fino al 1928.

Il crollo ha annullato il 24 percento di crescita verificatosi dal 20 novembre, rally che aveva lasciato sperare in una ripresa economica del paese. Da notare infine che dal giorno dell’elezione del Presidente Barack Obama, l’indice S&P500 è sceso del 15 percento.