Wall Street limita le perdite in scia della risalita del greggio

Inviato da Luca Fiore il Mer, 09/05/2012 - 01:36
Nonostante un forte recupero dai minimi, i listini statunitensi chiudono la seduta con il segno meno. Dopo le tensioni innescate dall'incertezza politica in Grecia, la risalita degli indici è attribuibile al recupero messo a segno dal comparto energetico in scia delle quotazioni del greggio. L'oro nero dopo esser sceso ai minimi del 2012 in quota 95,5 dollari ha capitalizzato la revisione al rialzo delle stime sui consumi da parte dell'EIA, l'Agenzia del Dipartimento dell'Energia che si occupa di statistiche. Il Dow Jones ha così terminato in calo dello 0,59% a 12.932,09 punti, -0,43% per lo S&P a 1.363,72 e -0,39% del Nasdaq a 2.946,27.

A livello societario spicca il +11,14% di OfficeMax nel giorno della presentazione dei dati del primo trimestre. -4,3% invece per Electronic Arts e -37,57% di Fossil. Il colosso dei videogames nel quarto trimestre fiscale ha registrato una crescita degli utili a 400 milioni mentre il fatturato del produttore di orologi ha deluso le stime degli analisti. Segno meno anche per McDonald's (-2,05%), penalizzata dall'andamento delle vendite same-store ad aprile. Chiudiamo con le notizie in arrivo dalla Cina. Le vendite di Ford (-0,47%) ad aprile hanno registrato un rialzo annuo del 24% mentre General Electric (-0,36%) investirà 3,38 miliardi di yuan (pari a circa 413 milioni di euro) per l'acquisizione del 15% della China XD Electric, società cinese produttrice di materiale elettrico.
COMMENTA LA NOTIZIA