1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Wall Street limita i danni sul finale, resiste la barriera dei 1.000 punti per l’S&P 500

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I dubbi sul piano Paulson e i rinnovati timori di una recessione globale duratura hanno affossato ieri gli indici di Wall Street. Ieri il Dow Jones è sceso per la prima volta dall’ottobre 2004 sotto la soglia dei 10.000 punti andando a chiudere a quota 9955.50 punti, in calo del 3,58%, flessione del 3,90% invece per l’S&P 500 a quota 1.056,89 dopo aver toccato un minimi poco sopra quota 1.000 punti (1.007,97). Chiusure quindi ben sopra i minimi di giornata con un rimbalzo di natura tecnica nelle ultime fasi di contrattazioni. Ribassi pesanti per i titoli energetici dopo che il petrolio è sceso di oltre il 6% a quota 87,81 dollari al barile. ConocoPhilips ha ceduto il 4,5%, mentre Exoon Mobil ha limitato i danni (-1,6%). Flessione infine di oltre il 5% per eBay a seguito dell’accordo per l’acquisizione di Bill Me Later per 820 milioni di dollari e l’annuncio del taglio del 10% della forza lavoro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RECUPERO DEL POUND

Forex: deboli dati non deprimono la sterlina

Recupero per la sterlina sul forex con cross gbp/usd tornato sopra quota 1,42 dopo la debolezza della vigilia a seguito dell’inflazione più debole del previsto a marzo (+2,5% annuo, sui …

INFLAZIONE UK AI MINIMI A UN ANNO

Forex: sterlina affonda dopo debole inflazione UK

La battuta d’arresto per l’inflazione britannica si fa sentire sulla sterlina che si muove in forte ribasso contro le altre principali valute. Il cross tra sterlina e dollaro è sceso …