1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Wall Street: futures Usa contrastati, resistono a minaccia Corea del Nord. Dow Jones reduce da nuovo record

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Contrastata la performance dei futures sugli indici azionari Usa. I futures sul Dow Jones salgono di 5 punti, anticipando un rialzo di 20,52 punti; i futures sullo S&P sono in calo -1,50 punti e indicano un avvio in flessione di -0,67 punti, mentre i contratti sul Nasdaq arretrano di 1,75 punti, anticipando un’apertura in ribasso di 5,27 punti.

In particolare, i futures sul Dow Jones recuperano terreno dopo aver perso fino a -44 punti – stando ai dati di FactSet – dopo la notizia del missile lanciato dalla Corea del Nord, che ha sorvolato il Giappone.

E’ la seconda volta in meno di un mese che Pyongyang sfida la comunità internazionale lanciando un missile verso il territorio giapponese.

Attesa per la pubblicazione di diversi dati macroeconomici, che includono le vendite al dettaglio, la produzione industriale e la fiducia dei consumatori.

Da segnalare che nella sessione di giovedì l’indice Dow Jones Industrial ha chiuso al record per la terza sessione consecutiva, mentre il Nasdaq e lo S&P hanno fatto dietrofront rispetto ai massimi testati nella seduta di mercoledì.

I tre indici azionari hanno guadagnato su base settimanale tra +1,1% e +1,9%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Audizione governatore Federal Reserve

Powell (FED): “UE non è nemica degli USA”

Smentisce le parole del presidente Donald Trump pronunciate qualche giorno fa alla vigilia del summit Nato il numero uno della FED, Jerome Powell. “Crede che l’Unione europea sia un nemico …

Summit a Washington

Dazi: il prossimo 25 luglio incontro Trump-Juncker

Il prossimo 25 luglio il presidente della Commissione ue, jean-Claude Juncker, incontrerà il presidente degli USA Donald Trump a Washington. L’incontro verterà sulla questione commerciale come sottolinea la stessa Commissione …

Dati Ufficio statistica nazionale

Gran Bretagna: occupazione a livelli record

In Gran Bretagna l’occupazione ha raggiunto un livello record nei tre mesi fino a maggio e le pressioni salariali hanno mostrato pochi segni di riduzione, mantenendo la Banca d’Inghilterra sulla …