Wall Street debole nella prima seduta dell’ottava, -2,3% per Boeing

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le tensioni in arrivo dall’Ucraina e il deficit commerciale cinese penalizzano la seduta a Wall Street. Causa il -18,1% annuo messo a segno dalle esportazioni e il +10,1% registrato dalle importazioni, a febbraio la bilancia commerciale del dragone ha visto il deficit commerciale salire ai massimi da due anni a 23 miliardi di dollari.

In questo momento il Dow Jones quota in rosso di mezzo punto percentuale mentre S&P500 e Nasdaq arretrano dello 0,3%. In particolare evidenza Boeing (-2,3%), penalizzata da problemi tecnici riscontrati nella produzione dei modelli Dreamliners, e -0,2% per McDonald’s che ha evidenziato un calo della vendite maggiore del previsto a febbraio.