1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Wall Street: crollo generalizzato delle quotazioni sulle piazze americane

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Black day” per le piazze americane in attesa della presentazione da parte delle case automobilistiche statunitensi dei propri piani di riassetto. Le quotazioni dei principali indici scivolano pesantemente al ribasso e sembrano non avere freno. I ribassi più forti si fanno sentire tra le quotazioni dell’indice S&P 500 in calo del 4,37% e del Nasdaq Composite in ribasso del 4,40 mentre il Dow Jones lascia sul terreno il 3,22%. Aumento vorticoso della volatilità, con l’indice VIX in crescita del 14,16% a quota 48,98% dopo aver toccato un massimo di giornata a 51,18%. Questo testimonia il crescente nervosismo degli investitori in una giornata in cui, a detta di alcuni analisti di mercato, il Dow Jones potrebbe far segnare un nuovo minimo dall’inizio della crisi. Dalle parole di Chip Hanlon il continuo testare un minimo potrebbe aumentare la possibilità di un’eventuale rottura che porterebbe a nuove dolorose perdite. Sotto i riflettori General Motors che lascia sul campo di battaglia oltre il 13,60% in attesa della presentazione del piano che potrebbe salvarla dalla bancarotta. Anche il settore bancario non fa meglio e tra i principali ribassi vediamo Citigroup sotto del 9,46%, Bank of America in calo del 9,16% e Barclays Plc in perdita del 5,49% mentre tra i pochi segni positivi in controtendenza Merrill Lynch +3,28%. I tecnologici scendono con Dell -1,32%, Microsoft -3,48% e Ibm in ribasso del 2,73%. Pesanti i ribassi sul future WTI che precipita del 7,44% toccando quota 34,72 dollari al barile. Negativo anche il cross euro dollaro a quota 1,2590 con un calo percentuale del 1,66%.