1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Wall Street chiude sotto la parità

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street con una seduta all’insegna della debolezza ha chiuso il miglior mese di settembre da 70 anni. Gli investitori hanno preferito incamerare i profitti, spingendo al ribasso quei settori, come il tecnologico (-0,42%), che hanno trainato gli indici negli ultimi tempi. Indicazioni migliori delle attese dai dati macro, con le nuove richieste di sussidio in calo a 453 mila unità, il Pil del secondo trimestre rivisto al rialzo dall’1,6% all’1,7% ed il Pmi di settembre salito inaspettatamente a 60,4 punti. Il Dow ha così chiuso in calo dello 0,44% portandosi a 10.788,05 punti, -0,31% per lo S&P a 1.141,2 e -0,33% del Nasdaq a 2.368,62. A livello societario riflettori accesi su Aig (+4,41%). Il colosso assicurativo Usa ha ceduto a Prudential le sue controllate giapponesi Aig Star Life Insurance e Aig Edison Life per 4,8 miliardi di dollari. Inoltre la società ha annunciato il piano per restituire i fondi governativi ricevuti nel corso della fase più pesante della crisi finanziaria. Per quanto riguarda le altre notizie, secondo indiscrezioni alcuni importanti dirigenti di Yahoo! (-1,19%) potrebbero abbandonare la società e, sempre a proposito di corporate governance, Wal-Mart ha nominato Charles Holley nuovo direttore finanziario. +2,29% di McCormick & Co., che nel terzo trimestre ha registrato profitti in crescita a 102,4 milioni di dollari, 76 centesimi per azione, dai 57 centesimi dello stesso periodo dell´anno passato. Per l´intero esercizio il gruppo americano ha rivisto al rialzo l´outlook. +0,26% infine per Whirpool, che ha ridotto le stime di utile per azione per l’esercizio 2010 dal range 9-9,50 dollari a 7,8-8,3 dollari, e parità per Microsoft (-0,04%), che il prossimo 11 ottobre farà il suo ingresso nel mercato degli smartphone.