1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Wall Street chiude nei pressi dei minimi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo un buon inizio, le vendite registrate dal comparto finanziario (-1,78%) e dai titoli legati alle risorse di base (-2,06%) hanno spinto al ribasso i listini statunitensi. Il Dow ha terminato in calo dello 0,84% a 11.766,26 punti, rosso dell’1,17% per lo S&P che si porta a 1.205,35 e -1,26% per il Nasdaq a 2.523,14. Nel corso della seduta l’umore degli investitori è peggiorato a seguito delle dichiarazioni di Jeffrey Lacker, presidente della Fed di Richmond. Lacker, che a partire dal 2012 entrerà nel Fomc (Federal open market committee), il braccio operativo della Banca centrale Usa, ha ribadito che non c´è bisogno in questo momento di nuovi stimoli monetari. “Nel 2011 nonostante gli stimoli monetari su larga scala la crescita economia è risultata deludente e l’inflazione ha registrato pressioni rialziste”. In agenda macro il dato relativo l’andamento del comparto immobiliare redatto dall’associazione nazionale dei costruttori di case (NAHB, National Association of Home Builders), salito a dicembre da 19 a 21 punti.

Tra le storie del giorno, -0,64% per Moody’s che ha annunciato l’acquisizione della scozzese Barrie & Hibbert per 77,6 milioni di dollari e +70,17% a 9,24 dollari per Winn-Dixie, oggetto di un takeover da parte della catena di drogherie Bi-Lo, che acquisirà tutto il flottante della compagnia per 9,50 dollari per azione. Segno meno per Procter & Gamble (-0,29%) che nell’anno fiscale in corso ha sospeso le assunzioni per le posizioni a tempo pieno, e per Google (-0,66%), citata in giudizio da British Telecom a causa della presunta violazione di sei suoi brevetti.