Wall Street chiude negativa: Dj sotto 12 mila punti

Inviato da Marco Berton il Mar, 01/11/2011 - 07:39
Chiusura in territorio nettamente negativo e in prossimità dei minimi di giornata ieri a Wall Street. Sono pesati in particolare i timori di un possibile aggravamento della crisi del debito dell'Eurozona. L'indice Dow Jones è sceso sotto la quota psicologica dei 12.000 punti terminando a 11.955 punti, in flessione di oltre 276 punti rispetto alla vigilia, pari al -2,26%. Male anche il Nasdaq che ha ceduto l'1,93% a 2.648 punti mentre l'S&P500 ha ceduto il 2,47% scendendo a 1.253 punti. Il mercato è stato condizionato anche dalle notizie provenienti dal Giappone che è intervenuto sui mercati valutari per arginare l'apprezzamento dello yen. Da non dimenticare inoltre la debacle dei titoli di stato italiani e spagnoli che ha probabilmente spinto gli investitori internazionali a tornare ad investire prepotentemente sui T-bond americani. A livello corporate segnaliamo il crack di Mf Global per un buco che dovrebbe essere di circa 40 miliardi di dollari, l'ottavo della storia americana: il broker era esposto per oltre 6,3 miliardi su titoli di stato europei.
COMMENTA LA NOTIZIA