Wall Street chiude in parità, lettera su JPM e Wells Fargo

Inviato da Luca Fiore il Sab, 13/10/2012 - 10:50
I finanziari penalizzano l'andamento degli indici a Wall Street. Segno meno per il comparto finanziario (-0,85%) nel giorno in cui JPMorgan (-1,14%) e Wells Fargo (-2,64%) hanno presentato i conti trimestrali. La prima ha chiuso il Q3 con un con un utile record di 5,7 miliardi di dollari, contro i 4,3 miliardi di un anno prima, ed un fatturato di 25,9 miliardi, il 6% in più su base annua. Entrambi i dati sono risultati migliori delle attese. Indicazioni invece deludenti dal fatturato di Wells Fargo, salito da 19,6 a 21,2 miliardi. Rosso anche per Citigroup (-2,17%) alla vigilia della presentazione di conti. Il Dow Jones ha terminato a 13.328,85 punti (+0,02%), lo S&P ha chiuso a 1.428,59 (-0,3%) ed il Nasdaq si è attestato 3.044,11 (-0,17%). Netto segno meno per il saldo settimanale che registra rispettivamente un -2,07, un -2,21 ed un -2,94 per cento.

In agenda macro troviamo i dati relativi i prezzi alla produzione, cresciuti a settembre dell'1,1%, e la fiducia dei consumatori misurata dall'Università del Michigan, salita in versione preliminare a 83,1 punti. Tra le altre storie del giorno, seduta da dimenticare per Amd (-14,38%), crollata in scia dei dati relativi le vendite, attese in calo del 10% rispetto al trimestre precedente. Tra le società del comparto internet due velocità per Groupon e LinkedIn (+0,76 e -2,95%) su cui Macquarie ha avviato copertura con rating "neutral" e "outperform".
COMMENTA LA NOTIZIA