Wall Street chiude con il segno più, l'utile di Apple sotto le attese

Inviato da Luca Fiore il Ven, 26/10/2012 - 00:33
Chiusura di seduta di poco sopra la parità per le borse statunitensi. Dopo aver ritracciato i guadagni iniziali in scia dei rumor relativi il downgrade del merito di credito statunitense da parte dell'agenzia Fitch, gli indici hanno recuperato terreno chiudendo sopra la parità. Tra le indicazioni macro del giorno, meglio delle attese il dato relativo gli ordini di beni durevoli, saliti a settembre di un sorprendente +9,9% mensile, in linea con le stime le nuove richieste di sussidio, scese da 392 a 369 mila unità, e peggio del previsto l'indice che misura le vendite di case in corso (+0,3% mensile vs il +2,3% del consenso). Il Dow Jones ha terminato la seduta con un rialzo dello 0,2% a 13.103,68 punti, +0,3% per lo S&P a 1.412,97 e +0,15% del Nasdaq a 2.986,12.

I dati arrivati dall'immobiliare hanno penalizzato Toll Brothers (-2,95), Pulte (-2,52%) e D.R. Horton (-1,4%). Per quanto riguarda i conti societari, tonfo di Best Buy (-10,34%) dopo il warning sui numeri del terzo trimestre, e rosso per Sprint Nextel (-1,78%) che ha archiviato il trimestre con una perdita di 767 milioni di dollari. Denaro invece su Aetna (+1,09%), ConocoPhillips (+2,16%), Procter & Gamble (+2,92%) e rally di Zynga (+12,26%) in scia dell'andamento del fatturato. Dopo la chiusura è stato il turno di Apple (-1,18%) che ha registrato una crescita dell'utile da 6,6 a 8,2 miliardi di dollari ed un incremento del fatturato del 27% a 36 miliardi. L'utile per azione, pari a 8,67 dollari, ha deluso le attese (8,75$) mentre il fatturato era stimato a 35,8 mld. Parità infine per Microsoft (-0,08%) alla vigilia della presentazione del nuovo sistema operativo targato Redmond, Windows 8.
COMMENTA LA NOTIZIA