Wall Street chiude con il segno più, +34% per Nyse Euronext

Inviato da Flavia Scarano il Ven, 21/12/2012 - 09:13
La presentazione del "piano B" repubblicano per evitare il "fiscal cliff" permette a Wall Street di terminare la seduta con il segno più. Il Dow Jones ha chiuso con un rialzo dello 0,45% a 13.311,72 punti, lo S&P grazie a un +0,55% è salito a 1.443,69 e il Nasdaq è avanzato dello 0,2% a 3.050,39. Dopo le polemiche degli ultimi giorni e nonostante il probabile veto di Obama, il partito repubblicano ha annunciato che avanzerà la proposta di estendere i tagli fiscali dell´era Bush ai redditi fino a un milione di dollari. In agenda macro il dato relativo il Pil del terzo trimestre che ha evidenziato un +3,1% rispetto ai tre mesi precedenti (dato annualizzato), al di sopra sia del +1,3% del secondo trimestre e sia del +2/+2,7% della prima e della seconda stima. Indicazioni migliori delle attese sono arrivate anche vendite case esistenti (salite ai massimi da tre anni a 5,04 milioni), dai prezzi delle abitazioni (+0,5% m/m) e dall'indice Philadelphia Fed (8,1 punti). Sostanzialmente in linea con le stime i dati relativi le nuove richieste di sussidio (361 mila) e il superindice (-0,2% m/m).

La notizia del giorno è rappresentata dall'acquisizione di Nyse Euronext (+34,1%) da parte dell´IntercontinentalExchange (+1,4%) per 8,2 miliardi di dollari. Sempre per quanto riguarda l'M&A, Google (+0,31%) ha ceduto Motorola Home Business a Arris Group (+3,58%) per 2,35 miliardi di dollari.
COMMENTA LA NOTIZIA