1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Wall Street capitalizza le indicazioni macro peggiori del previsto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Bad news is good news”, una notizia negativa per l’economia reale è positiva per le piazze finanziarie. Seguendo questo schema, l’incremento inferiore alle stime registrato dalle non-farm payrolls rappresenta un elemento positivo per Wall Street perché riduce drasticamente le probabilità di un innalzamento dei tassi nel meeting della Federal Reserve in calendario il 20-21 settembre.

Ad agosto il saldo delle buste paga nei settori non agricoli ha evidenziato un incremento di 151 mila unità, circa 30 mila in meno rispetto alle stime. Stabile al 4,9% il tasso di disoccupazione. In agenda macro anche la bilancia commerciale (-39,5 miliardi di dollari) e gli ordini alle industrie (+1,9% m/m).

A tre ore dalla chiusura degli scambi, il Dow Jones e il Nasdaq salgono dello 0,27% mentre lo S&P500 segna un +0,3%. Tra i titoli in evidenza, +1,06% per Yum Brands che ha venduto asset in Cina per 460 milioni di dollari, +0,11% di AbbVie su cui Raymond James ha avviato la copertura con valutazione “outperform” e -2,4% di Gap che ad agosto ha registrato un calo delle vendite “same-store” del 3%.