Wall Street attesa aprire in ribasso

Inviato da Flavia Scarano il Lun, 04/03/2013 - 12:19
E' prevista un'apertura in rosso per gli indici statunitensi. A pesare sono principalmente i timori degli operatori legati alla decisione del governo cinese di innalzare i requisiti per poter accedere al mercato immobiliare. La paura infatti di Pechino è quella di assistere ad un possibile scoppio di una bolla immobiliare, dopo la corsa dei prezzi delle case fatta registrare ultimamente. Gli occhi rimangono fermi anche sulla partenza del cosiddetto sequester, i tagli automatici alla spesa pubblica per 85 miliardi di dollari nel 2013, dopo il nulla di fatto tra il presidente Usa, Barack Obama, e i leader del Congresso. Non appena i tagli inizieranno a colpire gradualmente i diversi comparti si prevede una perdita potenziale di 750 mila posti di lavoro nel corso del 2013 e un impatto sul Pil di circa lo 0,6%. In questo quadro, i futures sulla Borsa statunitense sono negativi: quello sul Dow Jones cede lo 0,2%, il contratto sull'S&P500 è in ribasso dello 0,3% e il futures sul Nasdaq arretra dello 0,3%.
COMMENTA LA NOTIZIA