Wal-Mart: autogol di Andrew Young, uomo forte dei diritti civili

Inviato da Jacopo Dettoni il Lun, 21/08/2006 - 08:36
Le dichiarazioni del presidente della Working family for Wal-Mart hanno gettato un'ombra sul maggior retailer statunitense. Andrew Young, storico difensore dei diritti civili e suo tempo anche stretto collaboratore di Martin Luther King, dopo alcune dichiarazioni a dir poco infelici e dal retrogusto razzista e anti semita ha lasciato il proprio incarico per salvare almeno in parte l'immagine del colosso fondato da Sam Walton: "I negozi a conduzione familiare devono sparire. Si tratta di commercianti che ci hanno spennato vendendoci pane vecchio, carne avariata e verdura marcia. Adesso non potranno più sfruttare le nostre comunità. Prima di trattava di ebrei, poi di coreani, adesso di arabi. Di proprietari afro americani ce ne sono ben pochi". Parole dalle quali la società ha subito preso le distante chiarendo, attraverso il portavoce John Smiley, che le opinioni di Young non riflettono quelle del gruppo.

COMMENTA LA NOTIZIA