1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Volo di Alitalia, Fideuram ancora in spolvero

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La seduta odierna è stata caratterizzata dalla riscossa di Alitalia, volata a 0,9195 euro, con un balzo del 7,23%. Il titolo della compagnia di bandiera è stato in un primo momento rivitalizzato dagli analisti di Deutsche Bank che ne hanno rivisto al rialzo da 1,13 a 1,43 euro il prezzo obiettivo, per poi ricevere un’ulteriore spinta dalla conferma delle trattative per la dismissione di alcuni cespiti immobiliari. Acquisti anche sui titoli bancari, tra i quali ha spiccato Bca Fideuram (+4,48% a 4,5825 euro), protagonista dell’ennesima giornata all’insegna del rialzo, Unicredit (+2,61% a 6,055 euro) e il San Paolo Imi (+1,87% a 13,63 euro), quest’ultimo beneficiato dalle parole del presidente dell’isituto torinese Enrico Salza, che ha ribadito la volontà di valutare acquisizioni a 360 gradi. Si è rivista in territorio positivo Finmeccanica (+2,03% a 17,10 euro), dopo che Agusta Westland ha annunciato di aver raggiunto un accordo con le autorità cinesi per la fornitura di tre A109 Power e un AW139. Seduta positiva anche per i petroliferi, con buoni guadagni per Eni (+1,34% a 22,76 euro), capace di catalizzare gli ordini d’acquisto nonostante dal Kazakistan abbiano confermato che un enorme giacimento petrolifero in mano al gruppo non comincerà ad operare prima della fine del 2009 o dell’inizio del 2010 invece che nel 2008 come ipotizzato dal gruppo italiano. Sempre vivaci gli scambi sugli assicurativi, con Fondiaria (+2,83% a 31,58 euro) e Ras (+2,59% a 19,19 euro) a spingere al rialzo l’intero settore. Forti progressi anche su di Italcementi e Luxottica. E’ invece volto al termine il rally dei titoli calcistici. Nel giorno della nomina del nuovo consiglio di amministrazione della Juventus (-5,01% a 1,27 euro), la Roma ha messo fine ai forti guadagni delle ultime sedute, con un pesante ribasso del 12,07% a 1,01 euro.