1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Volkswagen ed i broker scatenano gli acquisti sul comparto auto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Con gli indici europei che hanno chiuso tutti la seduta con il segno meno, spicca il balzo di più di 2 punti percentuali dello Stoxx che misura l’andamento del comparto auto. A spingere al rialzo i titoli del settore sin dalle prime battute, i dati relativi le vendite di Volkswagen in Cina.

Nella Repubblica Popolare la casa tedesca nei primi nove mesi dell’anno ha venduto 1,48 mln di auto, mettendo a segno una crescita del 39% rispetto al pari periodo 2009. Il titolo a Francoforte ha chiuso in rialzo dell’1,23% spinto al rialzo anche dai giudizi positivi arrivati da Hsbc, che ha alzato il prezzo obiettivo da 115 a 124 euro (“overweight”) e le stime sull’Ebit 2010 da 4,8 a 5,5 mld di euro.

Hsbc ha alzato anche il prezzo obiettivo su Daimler, da 52 a 56 euro (“overweight”) e su Bmw, da 49 a 54 euro (“neutral”); la prima, in scia anche della promozione a “buy” da parte di Ubs, ha messo a segno un rialzo del 3,27% mentre la casa bavarese ha chiuso con un +0,66%.

Sul listino francese +0,36% di Pegeuot e +0,92% di Renault. Discorso a parte merita l’italiana Fiat, che con un +2,71% è risultata uno dei titoli migliori del Ftse Mib. Ieri il Lingotto ha annunciato che Alfredo Altavilla sarà nominato nuovo amministratore delegato dell’Iveco, al posto di Paolo Monferino.

Una mossa interpretata da alcuni analisti come il preludio di nuove operazioni straordinarie per la divisione camion del gruppo, visto che Altavilla in passato è stato responsabile della gestione dei negoziati per alleanze e acquisizioni.