1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

La volatilità regna sovrana a Piazza Affari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giornata all’insegna della volatilità per Piazza Affari che ha più volte cambiato rotta nel corso della seduta per chiudere poco sotto i massimi intraday: Mibtel +0,11%, S&P Mib +0,29%. Dopo un avvio in positivo, le vendite hanno preso il sopravvento nel primo pomeriggio complice anche il dato sugli ordini di beni durevoli negli Usa a gennaio, che hanno registrato un calo congiunturale del 5,3% rispetto al -4% atteso dagli analisti. A creare incertezza sul mercato anche le dichiarazioni di Ben Bernanke, numero uno della Federal Reserve, che ha rimarcato i rischi legati all’aumento dell’inflazione e al rallentamento economico. Ma proprio queste considerazioni hanno riacceso le attese per ulteriori tagli ai tassi di interesse da parte della Federal Reserve. Penalizzati i titoli del comparto finanziario, con Banco Popolare (-1,09%) e Bpm (-0,77%), mentre ha tenuto Intesa Sanpaolo (+0,6%). In affanno anche il settore cementiero con Buzzi (-1,83% )e Italcementi (-1,21%)). Tra i segni positivi spiccano Luxottica (+2,58%), Terna (+2,37%), A2A (+2,26%), Fiat (+2,12%) e Stm (+2,09%).