Volata di Piazza Affari sui massimi: rimbalzo di Fiat, bene Unicredit e Bpm -1

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 05/10/2011 - 17:50
La Borsa di Milano ha chiuso sui massimi di seduta, nonostante il downgrade subito dall'Italia da parte di Moody's. L'agenzia di rating ha abbassato il giudizio sul debito sovrano del Belpaese di ben tre notch, da "Aa2" a "A2", mantenendo l'outlook negativo, un segnale per possibili ulteriori declassamenti. Intanto i ministri delle finanze dell'Eurozona avrebbero deciso di agire per ricapitalizzare le banche europee in modo da allentare le tensioni sui mercati. Domani tutti gli occhi saranno puntati sulle ultime parole di Jean Claude Trichet come governatore della Bce. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib è avanzato del 3,94% a quota 14.805, mentre il Ftse All Share ha guadagnato il 3,76% attestandosi a 15.546 punti.
Buone performance per il comparto bancario. Ha guidato il settore Unicredit, che ha chiuso in rialzo del 7,07% a 0,795 euro. Bene anche Intesa Sanpaolo (+5,69% a 1,17 euro). Andrea Beltratti, presidente del consiglio di gestione dell'istituto di credito, ha chiarito l'assenza di eventuali problemi nel reperimento di fondi a breve termine. Seguono Ubi (+6,25% a 2,89 euro), Banco Popolare (+5,70% a 1,279 euro), Mps (+3,38% a 0,403 euro) e Mediobanca (+2,21% a 5,77 euro). Positiva anche Bpm in rialzo dello 0,60% a 1,67 euro. Il cda della banca ha deliberato l'acquisizione del 6,49% detenuto dal Credit Mutuel, azionista al 5% di piazza Meda, nella Banca di Legnano. Un piano che rientra nella fusione tra le controllate Banca di Legnano e Cassa di Risparmio di Alessandria. In tardo pomeriggio arrivata anche la notizia dell'appoggio da parte di Uilca all'Associazione Amici della Bipiemme.
COMMENTA LA NOTIZIA