Vietnam, una nuova ‘tigre asiatica’? (fondionline.it) -3

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Come in tutti i casi di metamorfosi economiche, ci saranno vincenti e perdenti. L’ingresso nella WTO -che implica una riduzione dei dazi e la concessione di ampi spazi di manovra alle imprese straniere- esporrà le imprese locali ad una feroce concorrenza. Le preoccupazioni del governo vietnamita si concentrano sui possibili effetti negativi sulla competitività di settori molto importanti per l’economia del paese: agricoltura, pesca e silvicoltura (attività che occupano la maggior parte della popolazione). Circa i due terzi dei vietnamiti lavorano nel settore agricolo, che rappresenta quasi un quinto del Pil.
Le banche e le società che offrono servizi finanziari soffriranno la pressione delle società estere. Le società statali, educate secondo i criteri della pianificazione centralizzata, non godono di protezione governativa e dovranno affrontare serie difficoltà per sopravvivere. A cura di www.fondionline.it

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Caterpillar alza guidance 2017, conti trimestrali oltre le attese

Caterpillar ha alzato le proprie stime per l’intero 2017 in scia soprattutto al miglioramento delle prospettive in Cina. In particolare le stime dei ricavi sono salite nel range 38-41 miliardi di dollari (in precedenza erano tra 36 e 39 mld)
Il gru…

Roaming: da 15 giugno fine sovrapprezzi in Ue

Dal 15 giugno gli utenti di telefonia mobile in viaggio in altri paesi dell’Unione europea potranno effettuare telefonate, inviare messaggi di testo o navigare in rete senza pagare sovrapprezzi. L’ultimo requisito per l’abolizione delle tariffe di ro…