1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

Vemer Siber prevede ritorno all’utile consolidato per l’esercizio 2006

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Consiglio di Amministrazione di Vemer-Siber Group ha approvato la relazione trimestrale del gruppo al 30 settembre 2006. Il fatturato dei primi nove mesi del 2006 registra una lieve flessione dello 0,8% rispetto allo stesso periodo del 2005. Tuttavia, precisa la società, considerando che nel 2005 il marchio Schiavi aveva registrato un fatturato di euro 1,2 milioni, il fatturato delle linee di business attive nei primi nove mesi del 2006 è aumentato dello 0,8% da euro 75,3 milioni nel 2005 a euro 75,9 milioni nel 2006.
A livello operativo, i primi nove mesi del 2006 hanno registrato un incremento significativo del margine operativo lordo che ha evidenziato un’incidenza del 12,3% sul fatturato a fronte del 7,5% segnato nello stesso periodo del 2005. Ciò si traduce in una crescita del margine operativo lordo in termini assoluti pari al 63%.
Il risultato operativo nei primi nove mesi del 2006 sale a 4,9 milioni rispetto agli 0,5 milioni di euro dei primi nove mesi del 2005.
L’incremento del risultato operativo è esso riconducibile alla riduzione del costo del lavoro, dei costi industriali e generali e degli ammortamenti.
Il risultato ante imposte e componenti straordinari è nettamente migliorato tornando in positivo per 3,5 milioni di euro rispetto ad una perdita di euro 0,3 milioni dei primi nove mesi del 2005.
La gestione straordinaria presenta un saldo negativo di 4,3 milioni di euro. Il risultato ante imposte di pertinenza del Gruppo è negativo per 0,8 milioni di euro in miglioramento rispetto alla perdita ante imposte di 1,5 milioni di euro registrata nello stesso periodo dell’esercizio precedente.
Con riferimento all’evoluzione dell’indebitamento netto, che risulta essersi ridotto di 8 milioni di euro (54,4 milioni di euro al 30 settembre 2005; 46,3 milioni di euro al 30 settembre 2006), la società segnala che il miglioramento è ascrivibile alla liquidità generata dalla gestione caratteristica oltre che alla cessione dell’immobile sito in Trezzano S/N al prezzo di euro 3,6 milioni oltre ad Iva.
La società precisa di attendersi il ritorno all’utile consolidato per l’esercizio 2006.