1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Valentino Rossi scende a patti con il Fisco

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il 2007 è indubbiamente un anno no per Valentino Rossi. Oltre che a Casey Stoner, il campione di Tavullia sarebbe infatti in procinto di piegarsi anche di fronte al Fisco italiano.

Da quanto appreso da Finanza.com, per Rossi si starebbe infatti avvicinandosi il momento del patteggiamento nei confronti dell’Ufficio delle imposte dirette di Pesaro. Ci sarebbe già stato un primo incontro tra i legali del motociclista e i rappresentanti dell’Ufficio delle imposte dirette di Pesaro. I legali che stanno assistendo Rossi avrebbero anche presentato il contenuto di due memorie depositate e di un parere pro veritate sulle problematiche legate alla residenza fiscale del campione, rilasciato ai legali di Valentino Rossi da uno dei più grandi fiscalisti italiani. I legali si sarebbero soffermati in particolare sulla validità delle istanze di condono tombale (ex art. 9 della legge n. 289/2002) prodotte con riferimento alle annualità 2000, 2001 e 2002. Sarebbe anche stata raggiunta un’intesa di massima circa l’eventualità di definizione delle vertenze che dovrebbero necessariamente riguardare tutte le annualità ancora aperte.

A Rossi nel maggio scorso era stato contestato un imponibile non dichiarato di 60 milioni di euro tra il 2000 e il 2004, con un’evasione nell’ordine dei 25 milioni di euro e la possibilità di multe che avrebbero potuto raggiungere anche i cento milioni di euro.

Rossi aveva comunicato al Fisco di aver trasferito la propria residenza in Gran Bretagna il 15 marzo del 2000. La ricostruzione effettuata sulla base delle indagini condotte dall’Agenzia delle entrate, avrebbe certificato che Rossi in questi anni ha presentato le dichiarazioni tributarie in Inghilterra, ma per cifre irrisorie, attestando di essere residente ma non domiciliato. In questi anni, quindi, Rossi avrebbe dichiarato in Italia i soli redditi di fabbricati e in Inghilterra i redditi prodotti nell’isola. L’occhio del Fisco si era quindi concentrato sui proventi delle sponsorizzazioni e sul contratto con la Yamaha.