V. Longo: la risalita dell'oro necessita di conferme

Inviato da Luca Fiore il Ven, 24/08/2012 - 20:21
Settimana all'insegna degli acquisti per il metallo giallo. Segno più per i prezzi dell'oro che nel corso dell'ultima ottava sono riusciti a superare importanti resistenze tecniche riportandosi ai massimi da inizio maggio in quota 1.670 dollari l'oncia. L'ascesa dei prezzi è stata favorita dal deprezzamento del dollaro (-1,4% per il dollar index) in scia delle minute dell'ultima riunione del Fomc (Federal Open Market Committee), il braccio armato della Banca centrale Usa. Dai verbali è emerso che "molti membri ritengono che una nuova fase di allentamento monetario sia da considerarsi giustificabile".

Nonostante i distinguo del presidente della Fed di St. Louis, James Bullard, la conferma dell'intonazione "dovish" della Fed è arrivata nientepopodimeno che dal n.1 Ben Bernake che in una lettera rivolta alla commissione di supervisione del Congresso ha fatto sapere che "esiste la possibilità che la Fed approvi ulteriori misure per facilitare il miglioramento dell´economia e rafforzare la ripresa".

"Dal punto di vista grafico -si legge nel Commodities Focus di IG Markets Italia preparato dal Market Strategist Vincenzo Longo- la rottura della trend line discendente che unisce i massimi del 2011 con quelli del 2012 rappresenta un buon segnale rialzista che richiedere però conferme". "Infatti -continua Longo- sarà necessario tenere il supporto dinamico dettato proprio dalla trend line affinché la corsa possa dirigersi verso le resistenze a 1.685 e successivamente a 1.700 dollari".

Indicazioni rialziste arrivano anche dal consueto sondaggio condotto da Bloomberg, in cui 29 dei 35 analisti contattati hanno detto di attendersi nuovi rialzi la prossima settimana. In caso di un ritracciamento, conclude l'analista di IG Markets, "il supporto si colloca a 1.630 dollari/oncia, che ha costituito resistenza nelle ultime 5 settimane e dove transita la media mobile a 200 giorni. Più in basso la corsa potrebbe proseguire verso i 1.610 dollari".
COMMENTA LA NOTIZIA