1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

V. Longo: Cina e Banche centrali sostengono le quotazioni dell’oro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Settimana positiva per il comparto delle materie prime. L’indice S&P GSCI Index, che rileva le performance di 24 materie prime, nel corso dell’ottava ha evidenziato un rialzo del 3,6% portandosi sopra quota 700 a 713,2 punti.

Nel corso della settimana le quotazioni dell’oro sono cresciute di 3 punti percentuali a 1.780 dollari l’oncia. “Il metallo giallo -ha rilevato Vincenzo Longo nel Commodities Focus di IG Markets- continua a esser sostenuto anche dagli acquisti delle banche centrali e della Cina”. “La resistenza psicologica -continua l’analista- si colloca a 1.800 dollari/oncia, mentre il supporto passa per 1.715-1.705 dollari”.

In particolare evidenza anche il petrolio. Il Brent, il riferimento europeo, nel corso dell’ottava è salito del 4,4% a 125 dollari facendo registrare i nuovi massimi storici in termini di euro e sterlina. Decisamente tonico anche lo statunitense Wti che grazie a sette sedute positive consecutive ha messo a segno un +6,4% a 109,4 dollari il barile, il livello maggiore degli ultimi 9 mesi.

Qualche giorno fa Goldman Sachs ha detto di attendersi le quotazioni del Wti nell´arco di 12 mesi a 123,5 dollari, il 13% in più rispetto ai livelli attuali. Nel breve i prezzi potrebbero risentire, secondo Goldman, dell´incremento dell´output a stelle e strisce ai massimi da 9 anni.