L'utile Jp Morgan balza del 47%, a Piazza Affari sbanda il Banco Popolare -1-

Inviato da Alberto Bolis il Ven, 14/01/2011 - 15:18
Quotazione: BANCO POPOLARE
Quotazione: MORGAN (J.P.)
La stagione delle trimestrali Usa inizia ad entrare nel vivo. Oggi Jp Morgan è stata la prima dei colossi bancari statunitensi a diffondere i risultati relativi al quarto trimestre 2010. Ed è subito boom. L'utile ha registrato una crescita del 47% a 4,8 miliardi di dollari (1,12 dollari per azione) rispetto ai 3,3 miliardi (74 centesimi) dello stesso periodo dello scorso anno. In calo, però, i profitti della divisione investment banking, che hanno mostrato una flessione del 21% a 1,5 miliardi di dollari. Andamento decisamente positivo per i ricavi, saliti del 13% a 26,1 miliardi dai 23,2 miliardi di un anno fa.

Battute le attese degli analisti che avevano pronosticato un eps di 1 dollaro su ricavi per 24,2 miliardi di dollari. Il Ceo di Jp Morgan, Jamie Dimon, ha voluto sottolineare il miglioramento nel business delle carte di credito e l'attenuarsi dei ritardi nei pagamenti legati al business dei mutui. "Ci sono segnali di stabilità e di un ritorno alla crescita nei mercati globali dei capitali e nell'economia americana", ha dichiarato ottimista Dimon. Gli accantonamenti per perdite su crediti nel quarto trimestre sono diminuiti a 3 miliardi di dollari dai 3,2 miliardi del terzo trimestre e dai 7,3 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. Il Tier 1 common capital ratio della banca ha mostrato un miglioramento al 9,8% dal 9,5% del 30 settembre 2010.
COMMENTA LA NOTIZIA