1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Usda: output di grano 2011/2012 rivisto al rialzo, tagliata la stima sul granoturco

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Poco fa il Dipartimento dell’Agricoltura statunitense (USDA) ha pubblicato il WASDE (World Agricultural Supply and Demand Estimates), il documento mensile relativo la domanda e l’offerta delle principali colture agricole. A livello globale, l’offerta di grano per la stagione 2011/12 è stata rivista al rialzo di 2,1 milioni di tonnellate (da 891,45 a 893,58 milioni di tonnellate) a causa dei maggiori raccolti attesi in India, Marocco e Kazakhstan ed all’incremento delle scorte di inizio stagione nello stesso Kazakhstan. La stima sul prezzo medio è stata alzata da 6,95-7,45 a 7,15-7,45 dollari per bushel.

In calo invece la view sulla produzione globale di granoturco, che da 868,1 passa a 864,1 milioni di tonnellate a causa del taglio (-4 milioni) dell’output argentino causato “dalle alte temperature e dalla siccità” che tra dicembre e gennaio hanno causato “danni irreversibili ai raccolti della regione centrale”. Cambia anche in questo caso la stima sul prezzo che passa da 5,9-6,7 a 5,8-6,6 dollari. Stabili invece le stime relative l’output di riso e quello di soia. In questo momento il grano ed il granoturco al Cbot non fanno registrare variazioni rispetto al dato precedente attestandosi rispettivamente a 6,78 ed a 6,52 dollari per bushel.