1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Usa/Fed: Bernanke rassicura i mercati, politica accomodante necessaria nel prossimo futuro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Governatore della Fed, Ben Bernanke, torna a mostrarsi più dovish (colomba) e il tono più “morbido” rassicura i mercati. “Una politica monetaria altamente accomodante è quello che l’economia statunitense necessita nel prossimo futuro“. E’ quanto ha dichiarato il presidente della banca centrale statunitense Bernanke al termine del suo discorso per il centenario della Fed al National Bureau of Economic Research a Cambridge, in Massachusetts, nella sessione domande e risposte.

Secondo Bernanke al momento le misure adottate sono necessarie perché il tasso di disoccupazione al 7,6% rimane ancora elevato e l’inflazione è al di sotto dell’obiettivo fissato dalla Fed. Non solo la politica fiscale rimane ancora “molto restrittiva”. Segnali, ha rimarcato il numero uno dell’istituto di Washington, che spingono la Fed ad essere più accomodante.

Il presidente della Fed ha parlato qualche ora dopo la pubblicazione dei verbali del Fomc, il braccio operativo della Fed, della riunione del 18-19 giugno. Dalle minute di ieri è emerso che circa metà dei membri del Fomc è a favore della fine del piano di acquisto asset (QE, quantitative easing) da 85 miliardi mensili nel corso degli ultimi mesi dell’anno. Secondo altri membri il piano potrebbe risultare utile anche nel 2014 mentre alcuni componenti ritengono che potrebbe essere fermato anche immediatamente.

La confusione regna sovrana all’interno del Fomc sulla strada da seguire in tema di politica monetaria. Questo il commento diRob Carnell, economista di Ing. “Abbiamo il sospetto che la realtà sia molto meno eccitante di quello che sembra – afferma Carnell – le differenti view espresse nelle minute pubblicate ieri  riflettono semplicemente il notevole livello di l’incertezza che esiste all’interno della Fed sulla strada giusta da percorrere”.

Le parole di Ben Bernanke hanno avuto il potere di rassicurare i mercati asiatici prima e quelli europei poi. Nel Vecchio continente le principali Piazze finanziarie hanno aperto la seduta odierna in rialzo: Londra e Parigi guadagnano l’1,10% e Francoforte sale dell’1,16%.