Usa: Obama annulla il viaggio in Asia a causa dello shutdown

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Il presidente americano, Barack Obama, ha cancellato l’intero viaggio in Asia, previsto la prossima settimana (dal 6 al 12 ottobre). La ragione è legata alla crisi di bilancio, meglio conosciuta come shutdown, la sospensione delle spese governative scattata automaticamente martedì scorso con il mancato accordo del Congresso sul budget. 
Secondo quanto fatto sapere dalla Casa Bianca nella serata di ieri, il viaggio del presidente Obama in Indonesia e nel Brunei è stato annullato, “vista la paralisi dello Stato federale”. Il presidente Usa intende essere presentare in questa situazione così delicata per esortare il Congresso a trovare un accordo, hanno spiegato da Washington. Sarà solo il segretario di Stato, John Kerry, a dirigere le delegazioni americane in Asia per partecipare al vertice di cooperazione dell’Asia-Pacifico, a Bali, in Indonesia e al summit Asean (l’Associazione delle nazioni dell’Asia del Sud-Est), nel Brunei. Obama aveva già annunciato ieri che avrebbe accorciato il suo viaggio nella regione, cancellando due delle quattro tappe previste in Malesia e nelle Filippine, a causa dello stallo sul budget.    
Anche ieri, terzo giorno di paralisi delle attività federali, non è stato trovato l’accordo. E Wall Street si è nuovamente depressa, con gli indici che hanno chiuso in calo, lasciando sul parterre circa 1 punto percentuale, con il Dow Jones che è scivolato sotto la soglia psicologica dei 15mila punti. Le vendite si sono intensificate dopo che il Tesoro americano ha emesso una nota in cui illustrava gli effetti dello shutdown e il rischio default legato al mancato innalzamento del tetto al debito entro il prossimo 17 ottobre.
Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…