Usa: deficit raggiunge i 1.300 mld $ a luglio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Deficit degli Stati Uniti a livelli record nel mese di luglio. Il disavanzo ha toccato quota 1.300 miliardi di dollari e, secondo le stime, potrebbe raggiungere 1.800 miliardi di dollari entro il 30 settembre, la fine dell’anno fiscale. Le cause, spiega l’Ufficio budget del Congresso, sono l’aumento delle spese per il salvataggio delle società americane – produttori di auto, banche, compagnie assicurative – per gli stimoli all’economia, e la riduzione delle entrate fiscali dovuta alla recessione. Di recente il presidente Barack Obama ha spiegato che non è ancora il momento di stringere la cinghia, pertanto gli stimoli resteranno fino a quando l’economia non si sarà completamente ristabilita e il mercato del lavoro non si sarà ripreso. Intanto domani la banca centrale presieduta da Ben Bernanke lascerà i tassi agganciati alla forchetta compresa tra lo zero e lo 0,25%. Il motivo di maggiore interesse della riunione sarà quindi rappresentato da quello che i governatori decideranno riguardo al programma di acquisto diretto di titoli del Tesoro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Francia: fiducia consumatori stabile a 100 ad aprile

La fiducia dei consumatori francesi rimane stabile nel mese di aprile. Il dato diffuso stamattina dall’Insee si mantiene stabile a 100 per il quarto mese consecutivo, in linea con le attese del mercato.

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi è povera di indicazioni. L’unico dato di rilievo in uscita oggi riguarda le scorte settimanali di greggio negli Stati Uniti. In uscita anche le vendite al dettaglio in Canada. Nel dettaglio:
16:00 USA Scorte greggio e derivat…

Giappone: fiducia Pmi in calo più del previsto ad aprile

In Giappone la fiducia delle piccole e medie imprese ha mostrato un calo maggiore del previsto attestandosi ad aprile a 48,6 punti dai 50,5 punti del mese precedente. Gli analisti si aspettavano una fiducia in discesa a 49,4 punti….

Australia: inflazione salita al 2,1% annuo nel I trimestre

In Australia l’inflazione si è attestata nel primo trimestre al 2,1% annuo, in deciso rialzo rispetto all’1,5% precedente ma leggermente sotto le attese degli analisti pari al 2,2%. Rispetto al trimestre precedente l’indice dei prezzi al consumo ha m…