Usa-Cina, braccio di ferro sul petrolio

Inviato da Redazione il Gio, 20/04/2006 - 08:22
Con ventuno colpi di cannoni sparati a salve dal prato della Casa Bianca si apre la visita ufficiale di Hu Jintao a Washington. Il presidente cinese è arrivato ieri sera nella capitale americana, dopo una sosta a Seattle, sulla costa del Pacifico, dove è andato a cena da Bill Gates e ha cercato di tranquillizzare il mondo del business sullo spirito di collaborazione con Pechino. Oggi Hu incontrerà George W. Bush. Novanta minuti di colloquio nello studio ovale per affrontare dossier incandescenti: la risposta alle ambizioni nucleari iraniane, le tensioni con Taiwan, la tutela dei diritti umani, gli squilibri commerciali, la richiesta di una rivalutazione dello yuan e le conseguenze della sete energetica di Pechino sul prezzo del petrolio. Nel 2003 la Cina ha infatti consumato 1.200 milioni di tonnellate di petrolio. I consumi sono in crescita costante a partire dall'inizio degli anni'90 e secondo gli esperti continueranno a salire in futuro.
COMMENTA LA NOTIZIA