L’Unione europea mette alla sbarra gli speculatori: arriva il passaporto per gli hedge fund

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Alla sbarra gli speculatori. I ministri delle Finanze dell’Unione Europea hanno fatto approvato all’unanimità le nuove regole per gli hedge funds e il private equity. Il nuova intesa si articola su regole che si snodano lungo due binari: quello della trasparenza e della gestione dei rischi. Il nuovo quadro regolatorio per i fondi speculativi comprende anche un “passaporto” europeo per i fondi dei Paesi terzi, che sarà introdotto nel 2013 per i fondi europei e nel 2015 per i fondo dei paesi terzi.


E’ un significativo passo avanti perché sull’affaire passaporto Ue si era incentrato lo scontro tra Francia, capofila della linea dura contro i fondi speculativi, e Gran Bretagna, sede dell’80% degli hedge funds europei. Come sottolineato da Didier Reynders, ministro delle Finanze belga e presidente di turno dell’Ue, l’importanza dell’intesa è tutta racchiusa in un must: va “a protezione degli investimenti e dei consumatori, nel quadro della nuova architettura finanziaria” che l’Ue sta delineando dopo la crisi.

Tali fondi “dovranno meritare il passaporto, che sarà dato solo dopo aver ricevuto le necessarie
garanzie sulla gestione del rischio”, ha spiegato il commissario al Mercato Interno, Michel Barnier, che ha precisato di voler “rassicurare gli Usa, preoccupati dalle nostre nuove regole”. A marzo scorso gli Usa avevano accusato di protezionismo la Ue che stava discutendo le nuove regole sui fondi. L’accordo sulla direttiva che introdurrà le nuove norme – ha precisato il ministro – è stato trovato “all’unanimità”.


Sono molti gli elementi essenziali che sono stati mantenuti, ha rivendicato Barnier, elencandoli: “una copertura molto ampia, regole solide, un’accresciuta trasparenza, una migliore protezione degli investitori”. “Questo accordo – ha concluso il commissario al Mercato Interno – se sarà confermato dal Parlamento, sarà la base di una regolamentazione efficace ed intelligente per i gestori dei fondi alternativi”. Ieri sono cadute le riserve della Gran Bretagna, roccaforte dei fondi speculativi che agiscono nella Ue. Ma le armi non sono ancora deposte del tutto: la direttiva dovrà passare ora al vaglio del Parlamento europeo. L’Europarlamento si pronuncerà a novembre.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…