Unioncamere: dai giovani il 17,2% del Pil, sono 675mila le imprese under 35

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 13/06/2013 - 11:29

Oltre 242 miliardi di euro pari al 17,2% del totale. A tanto ammonta il valore aggiunto prodotto dagli oltre 3,8 milioni di giovani occupati in Italia. Un dato rilevante che equivale all'apporto dell'intero comparto manifatturiero nazionale. Una parte significativa del valore aggiunto dei giovani proviene dalle 675mila imprese di under 35, aumentate lo scorso anno di oltre il 10%, pari a 70mila unità in più. E ci sono altre 100mila imprese che potrebbero nascere per iniziativa giovanile che attendono solo l'occasione per mettersi sul mercato. Sono queste le cifre più significative che sono emerse dallo specifico focus realizzato per la prima volta da Unioncamere e presentato oggi in occasione della 137ª Assemblea dei Presidenti delle Camere di commercio italiane. 

"Dobbiamo far diventare i giovani i veri protagonisti di un nuovo modello di sviluppo, compatibile e sostenibile", ha evidenziato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. "Raggiungere i livelli di occupazione medi europei è un obiettivo che possiamo e dobbiamo porci. Molte le strade da percorrere: semplificare la riforma dell'apprendistato; ridare slancio ai servizi per l'impiego attraverso una regia unitaria a livello nazionale che veda coinvolti sui territori diversi attori, tra cui le Camere di commercio. Come sistema camerale, sfruttando il sistema Excelsior e il Registro delle imprese, possiamo raggiungere in maniera mirata le aziende segnalando quelle professionalità che stanno cercando. Sull'imprenditorialità, proponiamo l'istituzione di un sistema ordinario di assistenza alla nascita di nuove imprese, fatto di servizi omogenei su tutto il territorio, che incoraggino l'innovazione, prevedano un accesso facilitato al microcredito e favoriscano l'utilizzo di fonti alternative di finanziamento".

675mila imprese guidate da under 35
Se a fine 2012 nel nostro Paese 1,4 milioni di giovani tra i 15 e i 34 anni sono disoccupati e un altro milione e 200mila rientra nella categoria degli "scoraggiati" (ovvero coloro che sono disponibili a lavorare, sebbene cerchino non attivamente un lavoro oppure non lo cerchino affatto), una porzione cospicua degli under 35 il lavoro ha deciso di crearselo da sé, aprendo una impresa. Al Registro delle imprese delle Camere di commercio, a fine 2012, risultano iscritte 675mila imprese giovanili, pari all'11,1% del totale delle imprese registrate a livello nazionale (tabella 3). Rispetto al 2012, la loro numerosità è cresciuta del +10,1%, grazie ad un saldo positivo tra iscrizioni e cessazioni di 70mila unità in più. Tutt'altra velocità rispetto al modesto +0,3% di crescita dell'intera imprenditoria.

188mila imprese di giovani donne
All'interno dell'universo delle imprese degli under 35, quelle a conduzione femminile appaiono particolarmente diffuse. Le imprese di giovani donne rappresentano, infatti il 27,8% del totale delle imprese guidate da under 35, mentre le imprese "rosa" nel loro complesso incidono sul totale delle attività registrate alle Camere di commercio per il 23,5%. Pari a circa 188mila unità, le imprese di giovani donne incidono per il 12,8% sul totale delle imprese "rosa" e risultano particolarmente diffuse nel Mezzogiorno (dove sono quasi 81mila).

COMMENTA LA NOTIZIA