Union Investment preferisce tlc, energia e hi-tech (1)

Inviato da Redazione il Lun, 22/03/2004 - 10:45
"Esaminando l'andamento dei mercati in questo inizio d'anno crediamo che i titoli sino a ora favoriti, con in testa telecomunicazioni, energetici e tecnologici, possano proseguire l'andamento positivo e non ci sembra che la situazione sia cambiata tanto da suggerire uno switch su altri settori", dice Ralf Branda, economista e direttore delle attività in Italia di Union Investment, "A livello generale siamo cautamente ottimisti sul medio termine, mentre sul breve non escludiamo correzioni a causa dei segnali contraddittori provenienti soprattutto dagli Usa e dal prolungarsi della forza dell'euro nei confronti del dollaro". Il trend immediato e più probabile per i listini azionari europei sembra essere in una fase di consolidamento o di leggero storno in attesa di capire se il miglioramento dei mercati azionari, registrato negli ultimi mesi, sia frutto di un'inversione di tendenza o sia invece solo una pausa dei listini dalla fase di recessione. "Tra i settori su cui puntiamo ci sono le telecomunicazioni grazie al miglioramento del business e alle buone prospettive sia in termini di merger and acquisitions che di aumento degli utili", procede Branda, "Anche il comparto di telefonia mobile dei Paesi dell'Est si prennuncia interessante in visto del prossimo ingresso di questi Paesi nell'Unione Europea. Abbiamo ridotto gli investimenti nel settore dei titoli ciclici, diminuendo parzialmente il nostro impegno nei farmacologici, nell'automobilistico e nel settore della logisitica relativa ai carrier aerei, mentre abbiamo incrementato gli investimenti nel settore energetico, nel food and beverage e nel tabacco, spostandoci quindi verso settori più difensivi".
COMMENTA LA NOTIZIA