1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Union Investment: nel 2008 Europa sarà mkt azionario privilegiato

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ai numerosi outlook che in questo momento dell’anno giungono uno dopo l’altro dalle banche d’affari e dalle società di gestione, si aggiunge quest’oggi quello degli esperti dell’ufficio studi di Union Investment, secondo i quali, nonostante la fase attuale di incertezza, con un super euro che spinge sempre più al ribasso il dollaro, la crescita economica globale non sarà minacciata in modo duraturo. Anzi, gli economisti dell’istituto tedesco sono addirittura dell’opinione che in Europa la crescita economica rimarrà robusta. E per quanto concerne l’equity? “I mercati azionari dell’Europa dell’Est – dicono da Union Investment – sono caratterizzati da un contesto fondamentale positivo, sostenuto dagli elevati prezzi di petrolio e del gas, da dati societari positivi e da valutazioni vantaggiose. I titoli favoriti sono quelli delle società operanti nei settori dei consumi, immobiliare, costruzioni e bancario. Inoltre, soprattutto in Russia, il settore della telefonia mobile sembra essere il favorito, per la crescente propensione ai consumi”. Ma gli economisti sono positivi anche sui Paesi delle economie emergenti: “Anche i mercati azionari asiatici sembrano essere assolutamente positivi. Cina ed India consolidano il loro ruolo di locomotive economiche non solo della regione. I mercati emergenti dell’Estremo Oriente, grazie all’enorme potenziale di crescita che offrono, resteranno, nel lungo termine, un fondamentale asset di investimento per il futuro”. Un po’ meno entusiasmo invece per il Paese del Sol Levante: “Si prevede una contenuta crescita delle quotazioni azionarie giapponesi mentre a lungo termine si vedono opportunità di investimento interessanti in quanto le società giapponesi rispetto alla concorrenza internazionale risultano poco care”. E infine ultima ma non meno importante la Borsa di Milano: “In generale per il 2008 – affermano gli esperti dell’ufficio studi di Union Investment – Piazza Affari chiuderà in rialzo rispetto ai livelli attuali e gli indici azionari dell’area euro saranno sostanzialmente in ripresa”. Il 2008, insomma, sarà ancora l’anno dei mercati emergenti quali il Brasile in Sud America, Russia in Europa dell’Est e India in Asia, anche se il mercato azionario privilegiato sarà l’Europa, dove la situazione economica resterà solida malgrado la persistenza di alcune turbolenze.