1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Unimpresa: a rischio povertà oltre 9 milioni di italiani

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Oltre 9 milioni di italiani non ce la fanno e sono a rischio povertà: è sempre più estesa l’area di disagio sociale che non accenna a restringersi. A lanciare l’allarme nel fine settimana è stata Unimpresa. In una nota stampa il centro studi di Unimpresa sulla base dei dati Istat ha, infatti, calcolato che “da giugno 2014 a giugno 2015 altre 30 mila persone sono entrate nel bacino dei deboli in Italia: complessivamente, adesso, si tratta di 9 milioni e 246 mila soggetti in difficoltà. E ai ‘semplici’ disoccupati vanno aggiunte “ampie fasce di lavoratori, ma con condizioni precarie o economicamente deboli”. Si tratta di un’enorme “area di disagio”: agli oltre 3 milioni di persone disoccupate, bisogna sommare anzitutto i contratti di lavoro a tempo determinato, sia quelli part time (740mila persone) sia quelli a orario pieno (1,66 milioni); vanno poi considerati i lavoratori autonomi part time (802mila), i collaboratori (349mila) e i contratti a tempo indeterminato part time (2,5 milioni).