Unicredit sui minimi fra volumi elevati, pesa il taglio di CSFB

Inviato da Redazione il Gio, 29/04/2004 - 10:29
Quotazione: UNICREDIT GROUP
All'interno di un settore bancario abbastanza debole, con punte negative per Bnl, Capitalia e Bpu, mostra una decisa lettera anche Unicredit, in fase di involuzione da ormai qualche settimana. Il titolo della società guidata da Alessandro Profumo fa segnare una flessione dell'1,05% a 3,88 euro (minimo intraday a 3,87 euro), abbandonando così le medie mobili più veloce, a 10 e 21 sedute, poste rispettivamente a 3,97 euro e 3,98 euro. Ormai lontane quelle di medio periodo, a 55 giorni (4,08 euro) e a 100 giorni (4,19 euro). Volumi di scambio molto elevati e pari già a 43 milioni di pezzi che si confrontano con i 56,6 milioni dell'intera seduta di ieri e i 70 milioni di azioni mediamente commerciate nelle ultime 30 sedute. A pesare sul titolo Unicredit l'odierno taglio del target price da parte della banca d'affari Credit Suisse first Boston (CSFB) che ha ridotto da 4,60 euro a 4,40 euro il proprio prezzo obiettivo.
COMMENTA LA NOTIZIA