Unicredit, sotto 1,778 scatta lo short

Inviato da Riccardo Designori il Lun, 31/01/2011 - 10:39
Quotazione: UNICREDIT GROUP
Detto che la decisa reazione dalla falsa rottura dei supporti statici di area 1,50 ha fornito sul grafico settimanale un'impronta rialzista ad Unicredit, i titoli dell'istituto di Piazza Cordusio appaiono ora propensi a portare a termine il ritracciamento del forte movimento rialzista messo a segno a cavallo tra il 10 e il 21 gennaio. Da un punto di vista grafico infatti le azioni sembra abbiano trovato, sul finire della scorsa ottava, un valido ostacolo nella prosecuzione dell'up trend nella media mobile a 55 periodi sul chart weekly. Partendo da questa considerazione e spostando l'attenzione sui grafici giornalieri e a 30 minuti si nota come l'apertura odierna abbia nuovamente riportato i titoli del gruppo sotto le resistenze mobili espresse dalla trendline ascendente di medio/lungo periodo disegnata con i low dell'1 luglio e del 4 ottobre 2010. Sommando tale indicazione all'engulfing bearish lasciato in eredità dalla seduta del 25 gennaio, ecco che il cedimento dell'ultimo supporto statico a 1,778 euro spianerebbe la strada verso un ritorno delle quotazioni in prossimità di 1,665 euro. Tale livello è stato ottenuto estendendo al ribasso il doppio minimo ora in costruzione sul grafico a 30 minuti dallo scorso 20 gennaio. Chi fosse intenzionato a sfruttare un inevitabile ritracciamento delle vecchie resistenze violate al rialzo, potrebbe anticipare la rottura di 1,778 euro posizionando i propri ordini di vendita in prossimità di 1,825 euro, permettendo così anche la chiusura del gap down aperto questa mattina. Con stop collocato a 1,90 euro, il primo target intermedio prima di quello finale a 1,665 euro è individuato a 1,705 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA