1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

Unicredit: profitti oltre le attese nel II trimestre. Ghizzoni, più vicino target utile 2014

QUOTAZIONI Unicredit
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tonica Unicredit a Piazza Affari dopo aver pubblicato conti oltre le attese. L’istituto di credito di piazza Gae Aulenti ha archiviato il secondo trimestre dell’anno con un utile di 403 milioni di euro che ha battuto le attese del consensus pubblicato sul sito web della banca e pari a 332 milioni di euro, mentre il risultato netto del primo semestre ha raggiunto quota 1,1 miliardi. Unicredit ha precisato che prima della modifica dell’imposta sostitutiva sulla valutazione della quota in Banca d’Italia, l’utile netto trimestrale ha raggiunto 618 milioni e 1,3 miliardi nei primi sei mesi dell’anno, con un Rote annualizzato del 6,5%. Sul Ftse Mib il titolo Unicredit sale dell’1,18% a 5,99 euro.

Crediti deteriorati scendono a 82,4 miliardi
La qualità dell’attivo di Unicredit alla fine del secondo trimestre conferma i trend positivi del primo trimestre, con crediti deteriorati lordi in calo per il secondo trimestre consecutivo a 82,4 miliardi di euro (-0,1% su base trimestrale). Il tasso di copertura, spiega la nota, si attesta ad un solido livello del 51,2% nonostante la vendita di portafogli di crediti in sofferenza con elevato vintage. Le sofferenze sono in leggera crescita a 49,6 miliardi (+0,6% trimestre su trimestre) con un elevato tasso di copertura del 61,1%. Gli altri crediti deteriorati registrano un calo a 32,8 miliardi (-1,2% trimestrale) con un tasso di copertura del 36,3%.

Common Equity Tier 1 al 10,4%
Il Common Equity Tier 1 ratio “fully loaded” raggiunge il 10,4%, pro-forma per l’Ipo di Fineco e per la cessione di Dab (+25pb). Il CET1 ratio transitional pro-forma si attesta al 10,8% mentre il Tier 1 ratio e total capital ratio transitional si attestano rispettivamente all’11,3% e al 15%, compresi 0,9 miliardi di euro di Additional Tier 1. Il leverage ratio Basel 3 fully loaded si attesta al 4,7%, tra i migliori in Europa, a conferma, ci teiene a precisare l’istituto di credito, dell’elevata solidità di bilancio di Unicredit.

Rimborsati 10 miliardi Ltro
Ad oggi, Unicredit ha rimborsato Ltro per 17,1 miliardi di euro, di cui 10 miliardi nel secondo trimestre. E’ quanto si legge nella nota di diffusione dei conti trimestrali della banca meneghina. I restanti 9 miliardi saranno rimborsati gradualmente.

Ghizzoni, risultati ci avvicinano a target 2014
“I risultati positivi di questo trimestre confermano la buona performance commerciale del Gruppo, malgrado un quadro macroeconomico ancora incerto”. Questo il commento di Federico Ghizzoni, amministratore delegato di Unicredit. “Questi risultati ci avvicinano all’obiettivo di circa 2 miliardi di euro di utile netto per il 2014, diventato più sfidante alla luce della modifica dell’imposta sulla valutazione della quota in Banca d’Italia, non inclusa nelle nostre previsioni. Unicredit si conferma una delle banche più solide nel sistema europeo: il nostro Common Equity Tier 1 ratio fully loaded sale a 10,4% e il leverage ratio Basel 3 fully loaded si attesta a 4,7%. La nostra diversificazione geografica si conferma un punto di forza. L’Italia mostra un utile netto in crescita e i nuovi crediti erogati sono in aumento di oltre il 50% rispetto al primo semestre 2013, a testimonianza del nostro impegno a sostenere l’economia reale”.