1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Unicredit, l’imprinting è decisamente short

QUOTAZIONI Unicredit
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Pesante a Piazza Affari Unicredit che risente delle vendite che stanno fioccando sul comparto finanziario dopo i rialzi generalizzati di ieri. I titoli del gruppo di Piazza Cordusio peraltro ieri non avevano avuto la forza per oltrepassare le resistenze di breve a 1,86 euro. In questo contesto le indicazioni ricavate dal recente andamento del titolo sono negative: le medie mobili a 14,55 e 200 periodi sono state incrociate verso il basso e quello in atto è il terzo attacco alle fatidiche resistenze di area 1,80 da fine agosto. Senza dimenticare un’altra indicazione importante: il titolo lo scorso 21 settembre ha violato al ribasso la trendline ascendente di lungo periodo ottenuta con i minimi di marzo 2009 e quelli di inizio giungo 2010. Da un punto di vista prettamente operativo si può dunque iniziare una strategia ribassista con il cedimento di 1,796 euro. Il valore indicato rappresenta il minimo del 2 novembre. Mentre in realtà il minimo di riferimento per la certezza dello short sarebbe 1,77, la vendita di 1,7960 è giustificata dalla contestuale violazione della neckline del testa e spalle ribassista che si verrebbe a creare. Fissando lo stop a questo tipo di operatività a 1,90 euro, il target ambizioso è rappresentato dai minimi di giugno in area 1,50. Il target completo del testa e spalle precedentemente menzionato porterebbe peraltro le quotazioni del gruppo di Piazza Cordusio a 1,35/1,36 euro.