Unicredit: giù il titolo dopo la deludente trimestrale, Equita abbassa a hold con tp sceso a 3,4 euro

Inviato da Flavia Scarano il Lun, 06/08/2012 - 10:45
Quotazione: UNICREDIT GROUP
Debole Unicredit a Piazza Affari dopo i deludenti conti pubblicati venerdì. L'utile netto del secondo trimestre si è attestato a 169 milioni di euro, in calo del 66,9% annuo contro i 393 milioni stimati da Equita e i 302 milioni attesi dal mercato. Il margine d'interesse è sceso del 5,5% a 3,69 miliardi rispetto ai 3,74 pronosticati dalla Sim milanese mentre il margine d'intermediazione è risultato pari a 6,25 miliardi, giù del 3,2% (6,26 miliardi previsti). Le rettifiche sono balzate a 1,92 miliardi di euro contro gli attesi 1,41 miliardi e gli 1,38 miliardi del primo trimestre, livello, commenta il broker, già da crisi 2009: "il business italiano è stato il principale driver, con peggioramenti sia nella divisione Family&SMEs che Corporate&Investment Banking" e "deterioramento in atto anche in Germania con outlook non positivo per il settore corporate in Polonia. Gli analisti hanno così ridotto l`Eps 2012-15 del 16%, con il target price sceso a 3,4 euro. Il giudizio è passato a hold "perché vediamo ulteriore rischio sugli utili derivante da un costo del rischio imprevedibile", concludono gli esperti. In rosso il titolo sul Ftse Mib dove cede lo 0,57% a quota 2,774.
COMMENTA LA NOTIZIA